Genitori

“Voi siete gli archi da cui i figli, come frecce vive,
sono scoccati in avanti.”
K. Gibran

Uno dei momenti più importanti per la vita di un genitore è l’arrivo del proprio figlio: in quel giorno, infatti, nascono anche una madre e un padre. Da quel momento ogni genitore (naturale o adottivo) si trova a essere responsabile per se stesso, per il proprio figlio e per la nuova relazione che si è creata. Questo nuovo ruolo lo porterà a compiere delle scelte e a individuare degli obiettivi per la crescita del proprio figlio in un’ottica comune all’interno della famiglia.

Spesso il genitore vive la preoccupazione di non sapere quale siano le scelte “più giuste” da prendere per il futuro del proprio figlio. Quando i figli crescono, i genitori sperimentano invece un senso di impotenza e di ansia di fronte a un comportamento più autonomo del figlio. Il lavoro psicologico può sostenere la genitorialità, favorendo una maggiore consapevolezza rispetto all’equilibrio tra dipendenza e autonomia dei figli dai propri genitori.

I genitori possono rivolgersi allo psicologo per trovare un confronto rispetto a diverse tematiche, tra cui: la relazione e la comunicazione con i propri figli, il sostegno nelle difficoltà scolastiche, la preoccupazione per un periodo difficile nella vita dei figli, lo stile educativo tra regole e autonomia, l’equilibrio e i ruoli all’interno della coppia genitoriale, l’insorgere di nuovi bisogni e di cambiamenti, la gestione dei conflitti soprattutto in adolescenza, la preoccupazione rispetto a comportamenti trasgressivi o pericolosi (droga, alcool, sesso, alimentazione, Internet).