Come lavoriamo

Chiedere aiuto a uno psicologo è il primo passo importante; quando una persona ci contatta, è cura dello psicologo fissare un appuntamento entro pochi giorni, per un primo colloquio.

Nel primo colloquio si decide se avviare una fase di consultazione: questo momento consiste in alcuni colloqui (di solito quattro o cinque) che servono a inquadrare la situazione e consentono allo psicologo di accogliere le richieste portate. Il lavoro dello psicologo in questa fase è quello di restituire alla persona ciò che emerge, di aiutare a fare maggior chiarezza e di dare un consulto professionale rispetto all’intervento.
Questi colloqui iniziali permettono alla persona di familiarizzare con il lavoro psicologico e di provare a osservare la situazione in maniera nuova.

Grazie alla fase di consultazione, inoltre, la persona e lo psicologo possono conoscersi a vicenda e valutare la possibilità di iniziare un percorso insieme. Infatti un presupposto fondamentale al lavoro psicologico è l’instaurarsi di una relazione di fiducia e di sintonia tra lo psicologo e la persona, che si prendono così il tempo di conoscersi.

Si informa inoltre che le attività psicologiche sono regolate dall’etica professionale dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia, pertanto tutti i dati sensibili sono sottoposti a segreto professionale.